Laser e cura della parodontite

La luce laser viene ampiamente utilizzata in medicina ed odontoiatria con successo, permettendo interventi poco invasivi e spesso indolore.

Il laser neodimio e un laser multifunzionale in ambito odontoiatrico e vede il suo principale impiego nella cura della parodontite, un’ infezione batterica comunemente conosciuta con il nome di piorrea che porta alla distruzione dei tessuti di sostegno del dente causandone la perdita.

Il laser ha un efficace effetto decontaminante sulle strutture dentali ed inoltre favorisce la rigenerazione dei tessuti molli che circondano il dente.

Cio non vuol dire che il laser sostituisce la terapia meccanica ovvero l’igiene dentale professionale, ma al contrario e una terapia coadiuvante che garantisce l’eliminazione dei batteri patogeni senza danneggiamento dei tessuti.

In molti casi la combinazione tra sedute di igiene profonda effettuata con sistemi ingrandenti e l’applicazione del laser, ci permettono di evitare i tradizionali interventi chirurgici parodontali ; cio non toglie che laddove ci siano tasche estremamente profonde il trattamento di levigatura a cielo aperto rimane l’unica soluzione.

Laser in chirurgia

Il laser Nd Yag e utilizzato con successo anche in chirurgia odontoiatrica infatti aumentando i parametri di potenza ci permette di ottenere incisioni precise ed un campo operatorio pulito poiche durante il taglio la luce laser cauterizza i vasi riducendo al minimo il sanguinamento.

Laser in endodonzia

In endodonzia si sfrutta il potente effetto battericida del laser al fine di decontaminare i canali radicolari prima della sigillatura degli stessi, riducendo notevolmente gli insuccessi endodontici dovuti alla presenza di batteri residui nel sistema canalare radicolare.